Tassa rifiuti solidi urbani (TARSU)

Nel Comune di Volongo, con atto n. 26 in data 06.11.2013, esecutivo ai sensi di legge è stato deliberato di applicare la deroga prevista al comma 4-quater, art. 5 del D.L. n. 102 del 31.08.2013 convertito con Legge 28 ottobre 2013, n. 124 (G.U. Serie Generale n.254 del 29-10-2013 - Suppl. Ordinario n. 73 note: Entrata in vigore del provvedimento: 30/10/2013), e stabilire pertanto, per l’anno 2013, di continuare ad applicare il regime di prelievo in vigore nell’anno 2012, e precisamente:

- TARSU (Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani di cui al decreto legislativo 13 novembre 1993, n° 507)

- (5%) ADDIZIONALE ex-ECA (con art. 3, commi 24 ss., della legge n. 549/1995 è stata devoluta ai Comuni a copertura dei maggiori oneri sostenuti per lo smaltimento rifiuti a seguito della contestuale istituzione del tributo speciale per il conferimento in discarica)

- (5%) MAGGIORAZIONE ADDIZIONALE ex-ECA (con art. 3, commi 24 ss., della legge n. 549/1995, è stata devoluta ai Comuni a copertura dei maggiori oneri sostenuti per lo smaltimento rifiuti a seguito della contestuale istituzione del tributo speciale per il conferimento in discarica)

Delibera C.C. n. 32 del 29 novembre 2013 - Tariffe anno 2013.

Delibera C.C. n. 26 del 6 novembre 2013 - Deroga Tares.

di seguito trovate la cronistoria relativa al passaggio da Tares a Tarsu con commenti

le note di seguito riportate sono da intendersi superate ed aggiornate da quanto riportato sopra

Sabato 30 novembre 2013.

Il Consiglio Comunale approva le nuove tariffe TARSU 2013.

Nella seduta del 29 novembre 2013 il Consiglio comunale ha deliberato le nuove tariffe TARSU per l'anno 2013.
Con la revoca della Tares e delle relative modalità di calcolo, molto penalizzanti per i nuclei famigliari e le attività, si è riusciti a RIDURRE le tariffe di circa il 12,5% (dato medio) rispetto al 2012. In poche parole si è tornati alle tariffe del 2011. Per i dettagli si rimanda alla deliberazione in pubblicazione all'albo pretorio.


Mercoledì 6 novembre 2013.

Il Consiglio Comunale accoglie la proposta della giunta.

Nella seduta odierna il Consiglio comunale ha deliberato la revoca della Tares.
Entro fine anno si verserà solo la prima rata (di quattro) della Tarsu 2012. La Tarsu 2013 slitta nel 2014.


Lunedì 4 novembre 2013.

Il Sindaco aggiorna sulle importanti novità che riguardano Volongo in tema di tassa rifiuti.

Si è lavorato non solo per far quadrare il bilancio ma soprattutto per tutelare i Volonghesi; è questa la sintesi dell'informativa in distribuzione in questi giorni a tutte le famiglie del paese.

E' questa una settimana decisiva per quanto riguarda la tassa rifiuti; l'Amministrazione dopo aver rimediato ai mancati introiti del passato, si schiera dalla parte dei cittadini che in questi mesi hanno dovuto affrontare numerosi sacrifici economici. Il Consiglio dovrà discutere e deliberare la proposta della giunta di revocare l'applicazione della Tares e proseguire con le vecchie tariffe Tarsu.

Se il Consiglio comunale si esprimerà favorevolmente, per i contribuenti sarà sicuramente una boccata di ossigeno; le nuove tariffe Tares, come è successo nei Comuni che l'hanno applicata, avrebbero comportato il raddoppio o addirittura la triplicazione degli attuali importi, sia per le famiglie che per le attività.

Leggi il testo della lettera alle famiglie.


Nota amministratori del 31 ottobre 2013

In queste settimane l'Amministrazione Comunale ha moltiplicato gli sforzi per trovare una soluzione che salvaguardi la cittadinanza, che a seguito dell'obbligo dettato dalla Corte dei Conti di recuperare interamente gli arretrati della Tarsu non riscossi dalla precedente Amministrazione, rischiava di subire un vero salasso.

Da un'analisi del decreto legge 31 agosto 2013 n. 102, che in sede di conversione al Senato, in data 24 ottobre 2013, è stato convertito in legge con diverse modificazioni, consente ai comuni che non hanno ancora dato il via alla procedura di riscossione della Tares, di applicare anche per il 2013 la vecchia Tarsu, consentendo un notevole risparmio rispetto all’applicazione della nuova TARES, a vantaggio dei contribuenti Volonghesi di tutte le categorie: residente, attività commerciali, artigianali, produttive, di servizi etc.

Pertanto la Giunta riunitasi d'urgenza ha deliberato di proporre la revoca con effetto immediato per il Comune di Volongo, di tutti gli atti inerenti l'applicazionedella Tares e di applicare il regime Tarsu anche per il 2013.
Ora la parola finale da dovrà dire il Consiglio Comunale convocato per il 6 novembre 2013 alle ore 20,00 che potrà ratificare tale decisione facendo inoltre slittare al 2014 la riscossione della Tarsu 2013.

Se il Consiglio Comunale approverà la proposta, Volongo sarà uno dei pochi comuni Italiani a mantenere la Tarsu anche per il 2013, dando un forte segnale di vicinanza alla cittadinanza, riconoscendo l'enorme sforzo economico che ultimamente i contribuenti hanno dovuto affrontare per inadempienze passate e conseguenti aumenti dovuti all'evoluzione della normativa nazionale.

Nota amministratori del 28 settembre 2013

La normativa che regola la nuova Tares obbliga i Comuni a coprire interamente le uscite relative al servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e ad applicare la tariffa sull'80% dellasuperficie catastale di tutti gli immobili, dalle abitazioni agli accessori alle attività artigianali ed industriali.
Le ragioni di alcuni aumenti vanno ricercati in questi obblighi, ai quali i Comuni non possono venir meno.

In secondo luogo, lo stato impone anche una maggiorazione su tutti gli immobili pari a 0,3 euro al metro quadrato da versare, direttamente allo stato stesso, entro il 16 dicembre 2013.

Ci troviamo di fronte all’ennesimo prelievo forzoso dalle tasche delle imprese e delle famiglie diventato francamente inaccettabile.

Per la riduzione della spesa pubblica e l'eliminazione degli sprechi dello stato dobbiamo invece aspettare ancora.


23 Agosto 2013 - Il Sindaco scrive a tutte le famiglie per chiarire la situazione della riscossione tributi TARSU e la prossima entrata in vigore della nuova TARES.

Leggi il testo della lettera alle famiglie.

 

AGGIORNAMENTO 24 settembre 2013 -

Gli uffici stanno provvedendo agli allineamenti obbligatori previsti dalla normativa tra la banca dati comunale e quella dell'agenzia del territorio.

Nelle prossime settimane il Sindaco convocherà il Consiglio Comunale per l'approvazione del Regolamento TARES e delle tariffe, che saranno diverse dalla precedente Tarsu in quanto calcolate con due componenti, una fissa ed una variabile.

Ad esempio, la norma prevede che  per quanto riguarda le utenze domestiche, la quota fissa della tariffa sarà determinata applicando alla superficie dell’alloggio e dei locali che ne costituiscono pertinenza le tariffe per unità di superficie, parametrate al numero degli occupanti. Mentre la quota variabile della tariffa sarà determinata in relazione al numero degli occupanti.

Per quanto riguarda le utenze non domestiche sia la quota fissa che la quota variabile della tariffa saranno determinate applicando alla superficie imponibile le tariffe per unità di superficie riferite alla tipologia di attività svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni del Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.


Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES)

Dal 1° gennaio 2013 è entrato in vigore il nuovo Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARES) in sostituzione dell'attuale Tassa dei Rifiuti Solidi e Urbani (TARSU), previsto dall'art. 14 del D. L. n. 201/2011.

In base alla suddetta normativa il nuovo tributo sarà articolato in due voci, costituite rispettivamente da una quota mirata a coprire il costo del servizio di gestione dei rifiuti urbani e da una quota riferita ai servizi indivisibili resi dai Comuni.

Con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 27 giugno 2013 sono stati approvati, ai sensi dell'art. 10 del D.L. 35/2013, i termini e le modalità di riscossione del Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Tares).

Delibera C.C. n. 15 del 27 giugno 2013 (deliberazione annullata)


In sintesi, per il Comune di Volongo è stato deliberato quanto segue:

al fine di non aggravare la già difficile situazione economica in cui versano le famiglie ed essendo in corso, da parte di questo Ente, il recupero delle somme dovute ai fini TARSU per gli anni precedenti (non riscosse dalla precedente amministrazione), si è optato per lo slittamento a Dicembre, della nuova TARES (anno 2013) introdotta dallo stato, da versare in un'unica rata.







 

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.