Home

Un’esperienza sensoriale e non uno spettacolo. Vivere il fiume di giorno è un fatto comune: la luce che rimbalza sull’acqua, i colori, la vegetazione, il canto degli uccelli, i rumori di lontane attività contadine…..Di notte no. Il buio rende tutto pura forma, l’olfatto si fa più sensibile e il respiro delle acque è il suono più potente della notte. L’animale umano affina i cinque sensi e percepisce nuove e impreviste sensazioni. Per chi conosce il fiume questa “esperienza vagante” sarà un modo per riscoprirlo, per chi non lo conosce un’esperienza sensoriale in luoghi affascinanti e misteriosi. Come saranno misteriosi i pochi umani che i partecipanti incontreranno lungo il cammino.
Il Respiro del Fiume non è uno spettacolo teatrale ma qualcosa di altro (o di oltre).
Semplificando possiamo dire che Il respiro del fiume è una camminata notturna in mezzo ai boschi, sulle rive di un fiume. Con alcune apparizioni, alcune difficoltà e azioni comuni. E’ in primo luogo una esperienza che vuole comprendere tutti i sensi, anche quelli più reconditi magari nascosti dentro il proprio cuore. Alcuni passaggi potrebbero creare momenti di “stordimento”, ma come già specificato, non c’è nessun motivo per reali paure o pericoli.

Modalità per la partecipazione
Ogni camminata è prevista per un numero limitato di partecipanti determinato dal luogo e potrà variare da 50 a 70. Si partecipa solo dietro prenotazione. Il luogo di partenza è segreto e viene comunicato solo ai partecipanti con delle regole che dovranno seguire. Prima di partite ognuno dovrà firmare una dichiarazione di auto responsabilità e sottoscrivere alcune regole fra le quali l’assoluto silenzio e il rispetto per i luoghi. Ogni partecipante dovrà portare un suo indumento da bruciare prima della partenza. Ogni partecipante dovrà portare qualcosa da mangiare che dovrà condividere con gli altri alla fine della camminata.
Il respiro del Fiume è stato presentato fin'ora lungo il Fiume Oglio in Provincia di Bergamo, Brescia e Cremona; sul fiume Serio (in Provincia di Bergamo e Cremona); sul fiume Adda (in Provincia di Lecco); sul fiume Brembo (in Provincia di Bergamo); sul fiume Ameno (in Provincia di Novara); sul Seveso nel Parco Nord di Milano; sul fiume Albegna (Grosseto).
_______________________________________________________________________________
Associazione Piccolo Parallelo Cecchi – Zappalaglio
Via San Rocco,3 – 24050 Torre Pallavicina (Bg) - mobil 338 4716643 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.piccoloparallelo.net

 

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.